Data: 17 Maggio 2021|Autore: |
CAMPAGNA-PRO-CREATIVI_DIVISIONE

10. Contributo continuo compensativo

Parliamo di un reddito compensativo per gli artisti iscritti al Registro, nel momento in cui possano dimostrare di non avere altre o sufficienti entrate. Lo Stato, a fronte del numero degli iscritti al Registro, potrà poi valutare di mettere in atto nuovi interventi finanziari per quegli artisti che non si possono permettere di avere una partita IVA. In tanti Paesi l’artista percepisce sussidi e gli viene riconosciuta la formazione come aggiornamento continuo: un artista per crescere ed evolversi deve investire parecchio tempo in studio e ricerca e questo non deve essere un’esclusiva di chi vive in condizioni privilegiate, che gli consentono di non barcamenarsi in secondi e terzi lavori per andare avanti. Spesso, poi, l’artista è costretto a piegarsi a mere logiche di mercato per entrare nei circuiti più remunerativi e poter vivere della propria arte.

  • Arti

  • Servizi

  • Regione

Segnalaci un’azienda

    Condividi l’articolo

    Leave A Comment