Data: 10 Settembre 2020|Autore: |

Il cantante britannico Robert Smith ha rivelato di aver trascorso gran parte del 2020 lavorando sul prossimo album del gruppo dei Cure e su un proprio progetto discografico solista.

Lo ha fatto durante un’intervista, andata in onda il 9 settembre 2020, grazie all’emittente radiofonica BBC 6, in cui era presente insieme a Damon Albarn dei Gorillaz. Tema della conversazione? L’uscita del brano “Strange Timez” di Albarn e soci, che ha visto proprio la collaborazione di Robert Smith, il quale era rimasto lontano dalle scene per molto tempo.

“Dieci minuti di intensa tristezza”

Dopo aver finito di parlare della canzone realizzata con i Gorillaz, il frontman ha poi accennato ai Cure e ha spiegato che la prima volta che Damon Albarn gli ha inviato il pezzo “Strange Timez” Smith era “nel bel mezzo della conclusione della canzone finale dell’album dei Cure”, descritta dal cantante britannico comedieci minuti di intensa tristezza”.

La notizia dell’uscita di un nuovo album dei Cure era già cominciata a circolare qualche mese fa, esattamente a febbraio, quando Smith aveva raccontato che con la sua band aveva lavorato su “due nuovi album e un’ora di rumore”. Il cantante ha inoltre spiegato ai microfoni di BBC 6 Music che la quarantena imposta dall’emergenza sanitaria lo ha reso produttivo. A proposito delle sue giornate durante i mesi trascorsi in lockdown, il frontman dei Cure ha detto: “Mi dispiace davvero per le persone che avevano dei progetti per quest’anno, è stato un disastro. Dal mio personale punto di vista è fantastico che abbiamo fatto così tanto l’anno scorso. Quest’anno è stato decisamente strano”.

Album solista in arrivo?

Robert Smith non ha parlato solo del suo gruppo storico, ma ha anche anticipato qualcosa a livello solista:

Per quest’anno la nostra idea era davvero finire l’album che abbiamo iniziato lo scorso anno, la mia era finire il mio disco solista e anche concludere di digitalizzare decenni di materiale per realizzare questo film con Tim Pope sulla storia della band. Quindi, in realtà mi ha aiutato perché non ci sono state altre distrazioni, ho fattomolto di ciò che volevo fare”.

Si può dire che le dichiarazioni di Smith sono state sorprendenti anche perché i fan dei Cure attendono un album della band dal 2008, anno di uscita di “4:13 Dream”. E 12 anni senza album sono davvero tanti. Nonostante tutto il cantante Robert Smith dopo aver fatto queste dichiarazioni non ha né anticipato date né aggiunto altri dettagli . Bisognerà restare in trepidante attesa.

The Pretty Reckless: si aspetta il 2021 per Death By Rock'n'Roll
Marina Abramovic e le sue Maria Callas
  • Arti

  • Servizi

  • Regione

Segnalaci un’azienda

    Condividi l’articolo

    Leave A Comment