Published On: 22 September 2020|By |

di Giovanna Genovese

SpazioSERRA, lo spazio culturale più underground di Milano dedicato alla ricerca di artisti contemporanei emergenti, annuncia la sua programmazione per il 2021, e offre la possibilità di partecipare a un bando che ha per tema il concetto di impermanenza.

SpazioSERRA è un luogo espositivo nato nel 2017 grazie al progetto Artepassante che si occupa di riqualificare i luoghi suburbani di Milano. Situato nella stazione del passante ferroviario di Lancetti, sotto lo Scalo Farini, la sua particolare struttura ottagonale delimitata da 22 vetrate, dopo alcuni decenni di utilizzo a fini commerciali è stata recuperata per essere convertita in spazio culturale, che è anche la sede di un collettivo di giovani studenti e lavoratori che si occupa di ogni aspetto delle mostre ospitate, dalla curatela all’allestimento, dalla comunicazione alla stampa, dalla fotografia all’editoria.

Il bando

VenerazioneMUTANTE è il titolo del nuovo bando. L’intento è quello di organizzare mostre con opere che suggeriscano un’idea di perenne di cambiamento, che restituiscano all’osservatore una sensazione di costante trasformazione, seppur impercettibile. L’idea di realizzare un’opera che abbia come requisito di base il concetto di mutazione, sfruttando le possibilità e le modalità di cambiamento per sovvertire le logiche dello spazio attraverso l’imprevedibilità del tempo, nasce per una caratteristica importante dei locali di spazioSERRA, ovvero quella di essere vivi e mutevoli.

Il bando ha la finalità di selezionare un numero massimo di 6 artisti per la realizzare di altrettante mostre personali nella stagione espositiva 2021 di spazioSERRA; si rivolge a giovani artisti individuali o collettivi, di ogni nazionalità che, a partire dalla propria ricerca, vogliano realizzare una mostra mutante, che presenti un’opera site-specific in grado di alterarsi nel tempo della sua permanenza. Questo cambiamento formale potrà essere dovuto a diversi fattori selezionati dall’artista, in base al suo campo di lavoro e in base alla mostra da realizzare. Le opere potranno essere di qualsiasi tipo, forma e materiale, ma dovranno tener conto delle norme sanitarie e della sicurezza degli spettatori.

Le iscrizioni vanno completate entro domenica 27 settembre 2020, sull’apposita sezione del sito www. spazioserra.org, fornendo un portfolio in formato pdf, entro il limite di 30MB, contenente:
selezione di lavori;
– breve biografia;
curriculum artistico;
proposta progettuale che indichi gli intenti dell’artista (pratici e concettuali);
– link di eventuali pagine di promozione dell’artista;
recapiti telefonici ed e-mail.

spazioSERRA è una delle realtà non-profit e il suo scopo è quello di fornire opportunità a giovani artisti contemporanei: per questa ragione la partecipazione al bando è gratuita per artisti under 35. Tuttavia, per non venire meno ai suoi principi di equità, spazioSERRA vuole dare la possibilità di partecipare al bando anche a coloro nati prima del 1 gennaio 1985 chiedendo un costo di iscrizione di 20 €, i quali andranno a coprire i costi di gestione ordinaria dello spazio. Esclusivamente i candidati over 35, quindi, dovranno effettuare un bonifico, con causale: “Bando spazioSERRA 2021 – Nome Cognome”, sul C/C intestato a

Le Belle Arti Associazione di Promozione Sociale
Presso: Intesa San Paolo S.p.A.
IBAN IT24P0306909606100000136886.

La ricevuta di pagamento dovrà poi essere caricata nell’apposita sezione sul sito web.

La mostra personale

La giuria di selezione sarà composta dal collettivo dello spazio. Gli artisti selezionati verranno contattati da spazioSERRA per la programmazione e l’organizzazione di una mostra personale che verrà curata, comunicata e gestita in tutti i suoi aspetti, comprese le fasi di allestimento, esposizione e disallestimento, da spazioSERRA che ne garantirà la massima visibilità nei vari canali di diffusione. Le personali occuperanno lo spazio per una durata non superiore ai due mesi ciascuna: la presenza dell’artista di turno sarà richiesta in occasione dell’allestimento, per il vernissage, per il disallestimento ed eventuali finissage ed altri eventi correlati.

Qui è possibile scaricare il bando completo.

X – Il Mulino Gallisay diventa cornice
Riparte Elements, il programma di corsi brevi di Fondazione Modena Arti Visive
[searchandfilter id="23024"]

Segnalaci un’azienda

    Condividi l’articolo

    Leave A Comment